14 febbraio 2017

Castagne: utili in caso di stanchezza, celiachia ed allergia al lattosio.

Siete stanchi e privi di energia per carenza di vitamine e sali minerali? Ecco allora l’alimento che vi può aiutare: le castagne! Scopriamo insieme le sue caratteristiche…

Questi simpatici e appetitosi frutti, se comparati a noci e semi in generale, hanno un basso contenuto di calorie (lo sapevate?), trasportano meno grassi e sono al contempo ricchi di minerali, vitamine e fito-nutrienti risultando utilissimi per la salute.

Contengono inoltre amido e fibre che aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e risultano eccezionalmente ricche di vitamina C: un potente anti-ossidante che contrasta i danni provocati dai radicali liberi.

Ma non è finita… nelle castagne si trovano ancora acido folico necessario per la formazione dei globuli rossi e per la sintesi del DNA, nonché vitamine del gruppo B.

Sono inoltre prive di glutine risultando ideali per chi soffre di allergie a grano o celiachia e possono rappresentare una soluzione per i bambini allergici al lattosio e al latte di vacca: le castagne sono infatti un ottimo sostituto a questi alimenti grazie al loro contenuto di zuccheri.

A ben guardare, dunque, sono tantissimi i benefici delle castagne che riassumiamo a seguire, attraverso questo schema sulla composizione chimica di una castagna che, normalmente, comprende:

  • 50% di acqua
  • 40% di carboidrati, amido e fibre naturali
  • vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12, C, D
  • diversi aminoacidi tra cui: acido aspartico, acido glutammico, arginina, alanina..
  • una buona percentuale di sali minerali e in particolare di potassio, fosforo, magnesio, calcio e, in quantità minore, ferro.

Molteplici motivi, dunque, per cui “farsi aiutare” dalle castagne consumandole come alimento “spezza fame” (attenti infatti a non eccedere) oppure sfruttandole per sfiziose ricette.

Ecco, dunque, che avete imparato i motivi per cui possiamo dire Castagne? utili in caso di stanchezza, celiachia ed allergia al lattosio.

Fonti:
sito AGCNews
sito IoBenessere